[VIDEO] Oltre il caos. Il bello, il buono e il giusto.

Dal caos in cui ci troviamo possiamo uscire solo in due modi: dal basso, con il collasso definitivo di tutto cio' che conosciamo, oppure dall’alto, tramite la bellezza. Una bellezza di emergenza.

Quando pensiamo alla bellezza, la prima cosa che ci viene in mente è la bellezza come ideale, un concetto universale, un'idea. Ma esiste una forma di bellezza più profonda e viscerale, una bellezza vissuta, che non ha niente a che vedere con i concetti mentali, ma che è molto più vicina all'esperienza empirica.


Questa bellezza è nei sensi, è nell'accordo senza sforzi con la Natura.


Si tratta di una bellezza pratica, un'arte di vivere con il Sacro, di "sacrum facere", ovvero di fare il sacro. Questa forma di bellezza è magica perché ha il potere di ricomporre, in un’unità armonica, il disordine fondamentale della realtà.


La bellezza salverà il mondo - F. Dostoevskij

La nostra Realtà è sempre in disordine. Noi siamo costantemente catapultati nei magnifici e tremendi vortici del caos; per navigarli, possiamo solo affidarci alla poesia, che "ripara" per immagini e simboli. La bellezza ha una vera e propria dimensione spirituale.