[VIDEO] Lo Sciamano e l'Eremita. Fuori dagli schemi

Sempre più spesso, emergono dall'inconscio collettivo immagini di libertà e indipendenza, di rottura dei vecchi sistemi e di comunicazione con l’Invisibile. Dallo “sciamano” Jake Angeli agli eremiti da giardino del XVIII secolo... perché questi simboli vengono a cercarci?

Nel Tarot, la figura dello sciamano potrebbe essere ben rappresentata dall’archetipo del Matto, Arcano senza numero. Lo sciamano, come il Matto, è colui che parla con l’Invisibile. Il personaggio si posiziona, quindi, al di là di ogni categoria, fuori dalle regole del gioco, ai margini dalla città degli uomini. La sua è una forza vitale assolutamente autonoma, profondamente libera.


In questo senso, le energie del Matto assomigliano molto a quelle dell’Eremita, Arcano IX, una figura che nel XVIII secolo incarnava i più alti valori dell'ideale romantico: ritirarsi dalla vita mondana, ritrovare il contatto diretto con la natura, disprezzare le cose materiali per dedicarsi unicamente alla contemplazione del mondo interiore...


Lo sciamano, il Matto, l'Eremita... sono tutti simboli che, mai come in questo momento, suscitano l'interesse del Mondo. Ma perché?


Lo sciamano e l'Eremita si tengono in bilico tra realtà ed illusione, tra saggezza e follia. Entrambi sono gli archetipi di una forza, di una Coscienza che ha il coraggio di vivere al di là dell’ordine precostituito. Annunciano mondi nuovi.


Basta che lei si metta a gridare in faccia a tutti l