Tarocchi psicomagici: il Papa. Comunicazione con l'invisibile

Il Papa è il quinto degli Arcani Maggiori del Tarot. Si presenta a noi come uomo maturo, con la barba e i capelli bianchi. Siede su un trono, tra le due colonne del tempio di Salomone. Nella cartomanzia classica, il Papa rappresenta la fede, la spiritualità, la sacralità. Ma anche la passività negativa, l'immobilismo, il fanatismo bigotto e il falso moralismo.


Se l’Imperatore e l’Imperatrice sono “vicini” nella loro sequenza numerica, il Papa è separato dalla sua Papessa da ben due Arcani Maggiori, quasi a suggerire un’unione meno fisica, ma più spirituale.


La sua croce papale a tre livelli simboleggia la potenza creatrice attraverso tre mondi: divino, psichico e fisico. Il Papa non ha più bisogno del "libro" della Papessa, perché è ormai pronto all’azione. E questa azione consiste nel trasmettere la Conoscenza, un sapere dogmatico, nell’impartire insegnamenti. La sua è una forza attiva.


Arcano V del Tarot, il Papa porta il numero dell’Uomo (numero 5), vero e proprio mediatore tra il Creato e il Creatore. Il Papa rappresenta la via della moralità, del dovere e della coscienza... ti soprenderà, quindi, sapere che questo Arcano, detto il Maestro degli Arcani, è rappresentato nei tarocchi belgi da Bacco, dio del piacere dei sensi e del divertimento... Strano, vero?


Metaforicamente parlando, il Papa sta quindi a indicare quella strada – che puo’ passare dalla morale cosi come dal piacere – che conduce l’uomo verso il suo progresso. Perché è a questo, al progresso, che ogni uomo è predestinato.


Il Papa fa un passo in più rispetto all’